Translate

mercoledì 14 novembre 2012

Come nasce una cover.

Non mi piace scrivere o parlare più del necessario, 
per noi Genovesi è una sorta di tradizione. 
Forse vivere a contatto con il mare invita più alla contemplazione che al verbo,
 così dice chi parla bene ma, pensandoci un'attimo, ho un sacco di colleghi genovesi 
che non fanno altro che parlare e parlare e parlare.
Sicuramente qualcuno dirà :" belandi, bello il blog eh! L'unica cosa quel post con le foto della
cover ( angoli della bocca tirati e palpebre a mezz'asta ) e belandi quello dove saluti il forum brasiliano
 ( faccia identica alla prima, serve a sottolineare il fatto che te la tiri )".
Questo è motivo più che sufficiente per farmi trovare una favella degna del più estroverso dei napoletani e, sull'onda di questi brutali luoghi comuni, vi faccio una domanda :
"Vi siete mai chiesti come nasce una cover?".
 Se ne avrete voglia sarò pronto a raccontare le fasi salienti di questo oscuro lavoro al
tavolo da disegno.

Ciao Frenk =)....

 Una soleggiata mattina di Giugno, squilla il telefono dello studio.

- Breeeep! Preeeeep! Pronto? Oh ciao Vito, com'è? Eh lo so il futuro non si preannuncia roseo,
cosa dovrei dire io che sono Genoano? Come dici? La fine del mondo? Una cover a tema sulle
profezie Maya? Quanto tempo abbiamo? Mmmh, prima della fine dell'anno, ok... immaginavo.

Il tema mi ha intrigato fin da subito, ho letto due volte L'azteco di Jennings per cui mi sento pronto.
Un Paperone sacerdote Maya, lo sguardo severo e beffardo puntato verso il lettore non lascia presagire nulla di buono. Magari potrebbe essere seduto su un trono di pietra e 
avere due bracieri ardenti sui lati, bello il contrasto tra il calore del fuoco la giada e la pietra.
 
Prima cosa da fare,  realizzare una bozza per l'approvazione.




Un pò di ricerca mi ha aiutato a definire il costume le decorazioni e i bracieri, 
ogni dettaglio è determinante nel rendere credibile la scena.
Qualche ombra aiuta a delineare l'atmosfera generale.



Una volta approvato il concept arriva il momento del clean-up.
In questa fase è utile risolvere i volumi e definire nel dettaglio,
magari aggiungere qualche cosa, come la pelliccia di giaguaro posata sotto un braccio
di Paperone, nella fase colore e renderà meno monotona l'immagine.
Anche i ciondoli e le piume hanno bisogno della giusta prospettiva.
Quel piercing sotto al becco aggiunge un sacco di carattere!



 Arriva il momento del ripasso, gli strumenti sono gli stessi da 
sempre, china pennini e pennelli. 
Un pò di tempera bianca aiuterà a correggere le imperfezioni o
gli errori.




 Meglio definire per bene alcuni dettagli, prima di inchiostare.



 Il pennino è più efficace per alcuni tratti, per le piume è perfetto, "fresco" e veloce.


Terminata  l'inchiostrazione la matita può essere eliminata con una gommapane.


Le macchie della pelliccia su un livello a parte, giusto uno
scrupolo per aiutare qualche ripensamento dell'ultima ora. 
Potrebbero essere "pesanti" oppure stare semplicemente male.
 


Finish! Ora una bella scansione, un pò di lavoro sui livelli del nero
e sarà pronta per MAX, che si occuperà del colore.

Durante tutta la lavorazione di questa cover ho sempre immaginato un muro di
grosse pietre squadrate alle spalle di Paperone, il bello di lavorare in due è che
si possono avere delle belle sorprese.



Colore di Max Monteduro

17 commenti:

  1. Ciao Andrea! Ti conosco da tempo, visto che leggo Topolino da quando ero coi calzoncini corti! Adoro il tratto dei tuoi disegni, e ti volevo chiedere una cosa: per iniziare a disegnare, cosa mi consigli di ritrarre volti o paesaggi? Non ho mai frequentato un corso di disegno (purtroppo) e volevo qualche tuo consiglio! Ho un ottimo senso delle proporzioni, mano ferma, e fin da piccolo mi dilettavo a disegnare Paperino e Topolino e mi riuscivano benino... ^_^ Grazie per l'attenzione! Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco! Sei molto gentile, grazie!
      Il consiglio migliore che posso darti è quello di divertirti.
      Volti paesaggi oppure oggetti, disegna tutto quello che ti piace,
      ogni soggetto sarà prezioso perchè ti insegnerà qualche cosa. Una bella matita "grassa" ti aiuterà a disegnare in scioltezza e il tratto sarà più divertente.
      A forza di riempire fogli scoprirai sicuramente il tuo percorso personale.
      Fammi sapere come prosegue ;)

      Elimina
  2. Grazie per questo post, mi ero sempre chiesta come nascesse una copertina! :D

    P.S. Unica cosa, si potrebbe per favore cambiare il carattere dei post? Si legge piuttosto male... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Francesca, mi prendi in contropiede sui font,
      è possibile che creino problemi se visualizzati con risoluzioni
      ( e quindi monitor ) differenti.
      Per andare sul sicuro da oggi in poi userò dei font più leggibili!
      Grazie mille per il prezioso consiglio!!

      Elimina
    2. Grazie a te Andrea!

      P.S. Guarda come sono poco leggibili che hai sbagliato il mio nome... ;)

      Elimina
    3. SCUSA VALEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!! =PPP

      Elimina
  3. Impressionante come non avevo idea che tutto questo processo di rotolamento prima l'arte era finito! Congratulazioni, l'uomo!

    Fabiano Caldeira.

    RispondiElimina
  4. Круто! ) отличная техника, Andrea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Thanks Ninjak! Have a nice evening!

      Elimina
  5. mi fischiano le orecchie....cmunque splendida cover..

    RispondiElimina
  6. MA CHE SPETTACOLO!!!

    Ricordo ancora che l'anno scorso ho fatto una capatina in redazione proprio quando sono arrivate fresche fresche le tavole di Monsù Paperin: mi brillavano gli occhi!

    Sono poi legatissimo a quel capolavoro di Paperleon: Russo genio, non si discute!

    Un saluto e buon lavoro

    Matteo Venerus

    P.S. Ogni tanto provo a inchiostrare qualche scarabocchio, e di fronte al risultato stile "scritta sul muro col sangue che cola" la mia stima per i disegnatori schizza alle stelle...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grande!! Ciao Matteo, grazie sei davvero gentile! Monsù Paperin è
      stata per me una storia davvero speciale, almeno quanto il Paperleone di Nino. Ho amato disegnare ogni singola vignetta.
      La tua sensazione nei confronti dei disegnatori mi è famigliare,
      la provo per gli sceneggiatori non appena tento di scrivere anche solo un piccolo, risicato soggettino! =)

      Buon lavoro anche a te!!

      Elimina
  7. ANDREA FRACCERO COME VOI? I AM LUIZ DIAS, DI BRASILE...VISITA IL MIO BLOG:

    www.chutinosaco.blogspot.com

    E ME SPICE UN INTERVIEW..IL TUO LAVORO È MERAVIGLIOSO!
    I VISITATORI DEL MIO BLOG CHE VOGLIONO SAPERE COME È INIZIATA LA PROGETTAZIONE DI STORIE A FUMETTI!

    MY E-MAIL IS:

    luizdiasmultimidia@gmail.com

    L' INTERVISTA SARÀ FATTA TRAMITE PER E-MAIL CON 10 DOMANDE.

    Si prega di rispondere attraverso la mia e-mail se si è in grado di ricevere le domande, ok?

    Un abbraccio del Brasile

    LUIZ DIAS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I'm ready, Luiz!
      Now I'll send you an email!

      Ciao!
      Andrea

      Elimina